Cosa ci siamo detti su Forte Boccea

Cosa ci siamo detti su Forte Boccea
Ieri a Via Urbano II abbiamo cercato di restituire qualcosa alle cittadine e ai cittadini del nostro Municipio.
Quel dibattito pubblico su Forte Boccea che in passato ha attraversato speranze ed aspettative delle persone che vivono nel nostro territorio, e che troppo a lungo è stato sequestrato dall'attuale maggioranza. La stessa che per un immobilismo speculare al silenzio e alla mancanza di iniziativa delle opposizioni, ha permesso che un "bene comune", una centralità urbanistica, fosse sottratto alla collettività per tornare nelle mani dei militari
Con Giovanni Caudo e Marta Bonafoni abbiamo riannodato i fili di una memoria interrotta cinque anni fa, ed indicato una prospettiva futura. Per non considerare chiusa la partita su Forte Boccea, per non rassegnarci alla logica escludente dei bandi per la gestione degli altri spazi - presenti e futuri - del nostro Municipio.

Non perdiamoci di vista