MARTA MARTIRIGGIANO

Laureanda in Economia e gestione delle imprese, attivista e musicista, faccio parte di diverse associazioni che si muovono sul territorio romano, da Differenza Donna a QuestaèRoma. Sono nata e cresciuta a Boccea: un quartiere ricco di potenzialità, mai valorizzato. Credo che tuttə lə cittadinə abbiano il diritto di far sentire la propria voce, in particolare quellə che abitano nelle periferie: luoghi fondamentali e colonne portanti dell’intera città, a cui è necessario restituire attenzione e centralità. Credo con forza nell’attivismo femminista intersezionale e sono, sempre e da sempre, pronta a schierarmi in prima linea per l’equità e la giustizia sociale. E, soprattutto, a toccare con mano le realtà per le quali e con le quali lotto. Ho svolto e svolgo tutt’ora volontariato in un centro antiviolenza, fatto parte di diverse realtà femministe e sono co-fondatrice del neo-collettivo Sista. Mi candido - nella lista ecologista, femminista e libertaria di Aurelio in Comune - perché impegnarmi per il mio quartiere, e per la mia città, non basta. Per cambiare, veramente, le cose serve mettersi in gioco in prima persona, per portare nelle istituzioni idee nuove e radicali. E qualcunə, che sappia tradurle in progetti concreti.
Image

Il mio impegno
per il Municipio

Più spazi, per tuttə

Moltiplicare gli spazi delle donne, cis- e transgender, e di tutte le soggettività escluse dalla realtà sociale urbana, come persone non binarie e genderqueer. Una Casa delle Donne nel Pineto è un’opportunità per promuovere attività culturali, di formazione, di supporto alle altre realtà femministe. Dando vita uno spazio sicuro dove intrecciare interazione sociale e lotta politica.

Più consultori, meno obiettori

Rivendicare il diritto ad esistere del Consultorio di Via Silveri, il cui dimensionamento mette fortemente a rischio la possibilità di erogare servizi rivolti all’utenza. La strada prioritaria è rappresentata dall’utilizzo dei locali dell’ex ludoteca adiacente.

Un piano per la valorizzazione delle aree verdi

Rendere pienamente fruibili le aree verdi del nostro Municipio, a partire dalla Riserva dell’Acquafredda, mettendole in rete e rendendole protagoniste con eventi culturali e di educazione ambientale. Rivolti, in particolar modo, allə studentə delle scuole del nostro territorio.

Ridurre la produzione di rifiuti

Incentivare la pratica del riuso, dando vita a centri specializzati che permettano agli artigiani e alle piccole cooperative di riutilizzare materiali e oggetti. Promuovere l’acquisto di prodotti alla spina, per ridurre il numero di imballaggi e gestire le quantità in relazione alle esigenze personali, evitando gli sprechi.

Recuperare le eccedenze alimentari

Rigenerare i “fantasmi urbani”, dall’Auditorium all’ex Campari, sfruttare luoghi ad alto potenziale come l’archivio della Quadriennale di Villa Carpegna, efficientare i servizi delle Biblioteche di Roma. Per generare un’offerta culturale adeguata, in tutti i quartieri, tutto l’anno.

Piazza, bella piazza

Nuove piazze per il Municipio, in quelli che oggi sono solo snodi del traffico: Piazza de la Salle, Largo Scarampi, “Piazza” Bra, Piazzale Gregorio VII. Con pedonalizzazioni, urbanistica tattica e criteri di accessibilità che favoriscano l’aggregazione e l’introntro tra le persone.

AREA DOWNLOAD

Documenti

01

Casellario giudiziale
a

02

Curriculum Vitae
a