Materiale resistente, il nostro 25 Aprile

26 APRILE 2021

Materiale Resistente, il nostro 25 Aprile

Bisognerebbe leggerle una ad una, le "Lettere dei Condannati a morte della Resistenza Italiana". Per vedere come quella meglio gioventù, di ragazze e ragazzi poco più che adolescenti, affrontava con dignità e serenità il plotone d'esecuzione. Consapevole di aver svolto fino in fondo il compito che la Storia aveva assegnato loro: la lotta per la libertà di un popolo, oppresso da un ventennio di dittatura, e quella per il riscatto dell'onore del proprio paese, macchiato dalla subalternità alla barbarie nazista e da crimini efferati ai danni di civili inermi.
Oggi, a Cavalleggeri e Montespaccato, abbiamo reso omaggio a quantə sono cadutə per la Libertà e la Dignità del nostro Paese, per rimuovere le macerie morali e materiali lasciate dal fascismo. E a quanti sono cadutə in terra di Spagna, nella prima guerra antifascista del Secolo Breve. E abbiamo rinnovato i valori che animano, nella quotidianità del nostro impegno, la lotta per la libertà e la giustizia sociale.

Prendi parte al cambiamento

Potrebbe interessarti anche